Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo, maggiori informazioni
News

Emergenza COVID-19. DPCM 7 settembre 2020.

È stato firmato e,pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, il DPCM del 7 settembre 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19”.

 

Innanzitutto è bene ricordare che le disposizioni del DPCM si applicano dalla data dell'8 settembre 2020 fino alla data del 7 ottobre 2020.


Sostanzialmente l’impianto delle regole da seguire per l’emergenza Coronavirus resta uguale a quello dettato dal Dpcm del 7 agosto, solo con qualche novità.

 

Mascherine e distanziamento sociale
Nessuna modifica sulle regole per la protezione individuale.

  • Oltre all‘igiene delle mani, confermato anche l’obbligo di mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
  • Viene confermato anche l’obbligo sull’intero territorio nazionale di usare la mascherina nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza.
  • Obbligo di mascherina confermato anche all’aperto delle 18 alle 6 in tutte le situazioni di assembramento. Precisamente, in questi orari la mascherina dovrà essere indossata negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie, lungomari) dove, per le caratteristiche fisiche, sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e occasionale.

 

Tamponi

  • Nel nuovo decreto confermata anche l’ordinanza del 12 agosto firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza sull’obbligo di tampone per chi rientra dai 4 Paesi già indicati in precedenza come più a rischio: Grecia, Malta, Spagna e Croazia.

 

Mezzi pubblici e scuolabus

  • Nel Dpcm 7 settembre viene stabilito che la capienza di autobus, metropolitane e treni regionali potrà arrivare all’80% dei posti per i passeggeri, se saranno garantiti efficaci sistemi di aerazione e ricambio dell’aria. Un’estensione ritenuta necessaria in vista della prossima riapertura delle scuole, dove è già previsto che gli scuolabus potranno viaggiare pieni ma solo se la permanenza a bordo dei ragazzi non supererà i 15 minuti. Mascherina obbligatoria mentre si sale a bordo.

 
Stadi e partite di Serie A

  • L’avvio del campionato di Serie A non coinciderà con la riapertura degli Stadi: le partite continueranno a svolgersi a porte chiuse (quindi senza pubblico). Esclusa quindi la riapertura parziale: gli stadi sono notoriamente un luogo di assembramento, non solo all’interno ma anche all’esterno, pertanto per ora è ne è stata confermata la chiusura.

 

Discoteche

  • Confermata la chiusura delle discoteche.

 

Ricongiungimenti internazionali

  • Il nuovo Dpcm del 7 settembre 2020 autorizza i ricongiungimenti internazionali: ok all’ingresso per raggiungere il domicilio, l’abitazione e la residenza di una persona, anche non convivente, con la quale vi sia una stabile relazione
    affettiva.


Su Documenti il DPCM 7 agosto 2020 pubblicato in GU.

Documenti
  • Logo Pordenone Turismo
  • Logo Centro anch'io
  • Logo Camera commercio
  • Logo Pordenone With Love
  • Logo 50 e Più Enasco
  • Logo Terfidi
  • Logo EBT
  • Logo ARAG
  • Logo CATT FVG
Associazione delle Imprese, delle attività professionali e del lavoro autonomo ASCOM - CONFCOMMERCIO
Imprese per l'Italia della provincia di Pordenone